Le nanoparticelle nella terapia dei tumori cerebrali

Nuove frontiere per le patologie cancerose del cervello

Negli ultimi anni si è andata sviluppando una nuova linea di ricerca nella terapia dei tumori, quelli cerebrali inclusi. Si tratta dell’uso di nanoparticelle lipidiche solide (SLN), al di sotto dei 1000 nm di diametro.

dott schifferSi tratta di sistemi di trasporto colloidale di molecole di antiblastici costituite da una serie di composti includenti trigliceridi, gliceridi parziali, lipidi pegylati, acidi grassi, steroidi e cere stabilizzati mediante emulsionanti quali polisorbati, lecitina, acidi biliari o poloxamer. Praticamente si tratta di carriers colloidali al di sotto del micron consistenti in una matrice di lipidi fisiologici solidi a temperature ambiente e corporea, dispersi in una soluzione acquosa. Il progresso delle nanotecnologie ha condotto a molte innovazioni che consentono di caricare le particelle con molecole terapeutiche che vengono rilasciate una volta raggiunto il bersaglio.
Le nanoparticelle attualmente in uso consentono di immobilizzare molecole idrofobiche o idrofile in una matrice solida, di rilasciare le molecole trasportate per un lungo periodo di tempo e in siti specifici, di evitare l’uso di solventi organici e di concentrare la dose in arrivo del chemioterapico somministrato.

In collaborazione con il Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco dell’Università di Torino, sono cominciate presso il Centro Ricerche di Vercelli sperimentazioni sull’efficacia delle SLN nella terapia di tumori cerebrali. Lo studio si compone di tre fasi.
La prima è la verifica che il farmaco introdotto nelle nanoparicelle conservi intera la sua attività antiblastica e che posa avere tale attività come carattere intrinseco, indipendentemente dal farmaco introdotto.

Qui ci riferiamo alla prima fase della sperimentazione.
dott annovazziLe SLN in uso sono quelle elaborate presso il Dipartimento suddetto secondo la tecnica della “coacervazione” con acido beenico e hanno un diametro di 250-500 nm. La sperimentazione consiste nella somministrazione di SLN, caricate con Paclitaxel (Taxolo) che è un farmaco antiblastico che interferisce con i microtubuli e inibisce la mitosi, a linee cellulari di glioblastoma multiforme allestite con la tecnica del “neurosphere assay” con cui si ottengono neuro sfere e cellule aderenti rispettivamente usando fattori di crescita (bFGF, EGF) oppure FBS (siero bovino fetale). La valutazione dell’efficacia del farmaco si fa con il metodo del Trypan Blue o con il saggio MTT con cui si contano le cellule morte oppure ancora viventi. Usando SLN in quantità diverse e per tempi di azione diversi si sta osservando che:

  1. le SLN vuote non hanno se non una minima azione citotossica;
  2. il farmaco caricato nelle SLN ha la stessa azione del farmaco libero;
  3. l’efficacia è maggiore nelle cellule aderenti che nelle neurosfere;
  4. l’azione del farmaco determina un’attivazione nelle cellule del sistema del DNA damage e repair

Sono stati usati anche Doxorubicina e Metotrexate con risultati pressappoco analoghi.
Le osservazioni fatte sono state ampiamente confermate da osservazioni al microscopio elettronico condotte presso il Dipartimento di Malattie infettive dell’Università di Pavia, Prof. Gaetano Filice e dr.ssa Silvia Corona, che collaborano nel progetto di cui si parla. I nostri esperimenti dimostrano ampiamente il mantenimento dell’efficacia sulle cellule tumorali dei farmaci veicolati e l’ottenimento di una maggior dose pro-cellula senza gli effetti negativi che questa potrebbe avere se somministrati liberi.

La seconda e la terza fase saranno condotte in collaborazione con la dr.ssa Riganti del Dipartimento di Genetica e Biochimica dell’Università di Torino insieme a quello di Scienza e Tecnologia del Farmaco di Torino e con il Dipartimento di patologia Animale Università di Torino (Prof. MT Capucchio e Prof. Vallazza?) e con il Dipartimento di Neuroscienze di Torino (Prof. M:Lanotte e dr. Panciani) Degli esperimenti descritti è stata data comunicazione al 49° Congresso della Associazione Italiana di Neuropatologia di Pisa del maggio scorso.

News dal Gruppo

Continuano le esperienze umanitarie del policlinico

Con la solita leggerezza ed incoscienza che ormai ci contraddistingue abbiamo preparato le valige, che pi...

Recente lavoro del centro ricerche di vercelli

Attualmente si stanno sviluppando diversi filoni di ricerca volti al miglioramento della terapia dei gliomi, che...

Ringiovanisci grazie alle mascherine invisibili

L’ortodonzia-biodinamica è un approccio che può rimandare l'appuntamento con il chirurgo...